Autunno e…peperoncino

Peperoncino, principe delle nostre pietanze ad iniziare dall’autunno, per continuare nelle fredde giornate invernali. Tante le iniziative dedicate al peperoncino in questo periodo, al classico peperoncino rosso che è il più coltivato in varie zone d’Italia e soprattutto al Sud.

peperoncino

Si conoscono oltre tremila varietà diverse di peperoncino, per colore, forma e lunghezza, gusto e tipologia da dolce a piccante e molto piccante.

Il peperoncino è una bacca di alcune piante (Capsicum), coltivate inizialmente in America, giunte in Europa con Cristoforo Colombo e diffuse dagli spagnoli; era usato come alimento già nell’antichità.

Il colore delle bacche può essere molto variabile, verde, rosso, giallo, arancione ma anche più scuro.  

Le coltivazioni di peperoncino hanno attecchito bene con il clima europeo, così da svilupparsi su vari territori, compresa l’Italia.

All’estero è particolarmente diffuso in Messico, Nord Africa e varie zone dell’Asia.

Conosciuto per le sue proprietà terapeutiche, il peperoncino è usato come antidolorifico, per la cura delle artriti e dolori alle ossa, per dolori muscolari, per le malattie cardiovascolari, per il metabolismo ed anche per le sue proprietà afrodisiache; è vivamente sconsigliato nei casi di patologie dell’esofago, gastriche ed intestinali.

Il peperoncino contiene l’alcaloide capsaicina che ne determina il gusto più o meno piccante a seconda della concentrazione, variabile per tipologia.

Per il suo gusto piccante e gradevole in varie pietanze, viene utilizzato in cucina, fresco, secco oppure in polvere, a seconda dell’uso. Contiene circa 20 kcal per 100 grammi.

Tra i preparati a base di peperoncino ricordiamo la paprika, il tabasco e il curry.

Al Sud d’Italia c’è un uso maggiore del peperoncino, soprattutto in Calabria, Sicilia, Campania e Basilicata, per continuare con Puglia, Molise e arrivare fino in Abruzzo. A tal proposito ricordiamo in Calabria la sardella e la nduja, in Basilicata e in Campania i peperoni “cruschi”, croccanti. In varie regioni si produce l’olio al peperoncino e si porta in tavola un piatto semplice ma speciale per l’abbinamento dei sapori, spaghetti con aglio, olio e peperoncino. Il peperone dolce invece è particolarmente apprezzato al nord e in Piemonte.

A proposito di abbinamenti, è particolarmente ricercato cioccolato fondente e peperoncino; il gusto piccante è ideale anche per le carni come pollo e manzo, i frutti di mare, i formaggi, le patate, alcune verdure, l’avocado, la salsa di pomodoro e varie altre salse.

E se la sensazione di bruciore da peperoncino si fa particolarmente intensa, alcol e grassi attenuano il problema; una bevanda alcolica oppure piuttosto grassa, come yogurt o l’uso della panna possono essere d’aiuto.