Giornate FAI di Primavera 2019: nel weekend 23 – 24 marzo

Mercoledì 13 marzo Bonisoli presenta la 27^ edizione

Le Giornate FAI di Primavera tornano con il primo weekend di primavera. 

Il ministro per i beni e le attività culturali, Alberto Bonisoli, partecipa – mercoledì 13 marzo alle ore 11.00 – alla conferenza stampa presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali per la presentazione della 27^ edizione delle Giornate Fai di Primavera, che si terrà il 23 e il 24 marzo prossimi.

Partecipare alle Giornate FAI di Primavera –  manifestazione a carattere nazionale – significa risvegliare il proprio impegno civile, facendo un gesto concreto a tutela del patrimonio artistico, storico, e culturale del nostro Paese, con l’auspicio che i beni culturali riaperti al pubblico per l’occasione possano tornare ad essere tutelati e valorizzati.

In 26 anni di storia hanno partecipato più di 10 milioni di visitatori – persone di età, interessi e provenienza diversi – che hanno avuto l’opportunità di conoscere oltre 12mila luoghi solitamente chiusi al pubblico o mai raccontati prima, siti in più di 5mila città in tutta Italia.

Le Giornate FAI di Primavera coinvolgono ogni anno oltre 40mila studenti delle scuole secondarie che hanno il compito di accompagnare il pubblico durante le visite, percependo un contributo facoltativo a partire da 2, 3 o 5 euro; è del 1996 la nascita del Progetto Apprendisti Ciceroni, con l’avvio di duecento unità, poi cresciute nel tempo.

In tutti i luoghi aperti durante l’evento, ci sarà la possibilità di iscrizione al FAI. Agli iscritti FAI saranno dedicate visite esclusive, accessi prioritari ed eventi speciali.

 Il FAI – Fondo Ambiente Italiano è una fondazione senza scopo di lucro nata nel 1975; persegue il fine di tutelare e valorizzare il patrimonio storico, artistico e paesaggistico italiano.

Sono tre i principali obiettivi:

  • Prendersi cura, per le generazioni di oggi e di domani, di luoghi speciali del nostro Paese
  • Educare alla conoscenza e all’amore dei Beni storici e artistici e dei paesaggi d’Italia
  • Vigilare sulla tutela del patrimonio paesaggistico e culturale, traducendo in realtà l’articolo 9 della nostra Costituzione, in merito alla promozione dello sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica; oltre a tutelare il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Altri articoli a tema:

Giornate FAI d’Autunno il 13 – 14 ottobre

Approfondimenti su: www.fondoambiente.it

Fonte per informazioni: Giornate FAI di PrimaveraMIBAC