VAN GOGH Alive: quando l’arte fa spettacolo

Al Teatro Margherita di Bari va in scena il multimediale

Bari – Il Teatro Margherita riaperto al pubblico dopo lunghi anni di restauro, vuole celebrare l’opera e l’estro artistico di Van Gogh, pittore olandese maestro dell’impressionismo e uno dei maggiori talenti dell’Ottocento, offrendo un percorso espositivo innovativo, uno dei più coinvolgenti ambienti multi-screen al mondo.

Dopo le varie tappe a livello internazionale, tra Austria, Stati Uniti e Russia, con numeri da record e le 500mila presenze ottenute in varie città italiane, Van Gogh Alive – The Experience, è giunto nel capoluogo pugliese, realizzando una concreta valorizzazione territoriale integrata del patrimonio culturale, la cui offerta si va incrementando e diversificando in altri due spazi urbani: l’ex Mercato del Pesce e lo Spazio Murat.Sono ben 3mila le immagini riflesse mediante l’uso di 50 proiettori ad alta definizione, in conformità all’ambiente ospitante, e si soffermano maggiormente sul decennio 1880 – 1890, durante il quale Van Gogh viaggiò da Parigi a Saint-Rémy fino ad Auvers-sur-Oise; un viaggio che fu fonte d’ispirazione per la realizzazione delle sue opere più conosciute.

L’esposizione, a cura di Giancarlo Bonomo, presenta una grafica multi-canale e l’ascolto di alcune musiche di noti compositori dell’epoca, tra i quali Vivaldi, Schubert, Bach e Debussy, con un suono di qualità surround. Un percorso avvolgente per tutti, con un’attenzione particolare rivolta ai giovani, più vicini alla realtà tecnologica.

“(…)La sua curiosità centrifuga contemplava tutto e a tutto sapeva conferire un’inedita rappresentazione nella pienezza di una dignità estetica che esprimeva forza interiore e tensione vitale – Parla così, di Van Gogh Giancarlo Bonomo: Van Gogh è dunque l’artista vero, umile ed emarginato dall’incomprensione di un tempo che lo volle considerare come un eretico e non seppe riconoscere il contenuto della coraggiosa rivoluzione pittorica. E questo destino tormentato ed infelice è probabilmente il motivo per cui egli è molto amato e seguito da tutte le generazioni che ne avvertono l’umana vicinanza con sempre viva commozione e, naturalmente, ammirazione”. Bonomo aggiunge un ulteriore apprezzamento verso l’artista:“L’arte dopo di lui non sarebbe stata più la stessa. La storia gli avrebbe ben presto dato ragione al punto da incoronarlo padre fondatore dell’arte moderna e sicuro riferimento di una maniera di dipingere assolutamente inconfondibile (…)”.A celebrare il pittore olandese maestro dell’impressionismo in questo percorso che avrà la durata di due mesi, fino alla prima settimana di febbraio*, hanno concorso Grande Exhibitions per l’ideazione; ed inoltre, Cube Comunicazione e Time 4 Fun per la produzione. L’iniziativa è nata sotto il patrocinio dell’Assessorato all’industria turistica e culturale della Regione Puglia ed il Comune di Bari. Alcuni sponsor hanno contribuito alla realizzazione. 

Orario:

Lun – giov (e venerdì 7 e 14 dicembre): 9:00 – 21:00

Ven – dom: 9.00 – 22:00

L’ingresso è consentito fino a un’ora prima della chiusura

Giorni e orari possono essere soggetti a variazioni

Costo biglietto:

Intero: 14,00€

Ridotto: (6/12 anni) 8,00€

(Studenti, over 65, disabili) 12,00 €

Bambini sotto i sei anni: ingresso gratuito (accompagnati da un familiare)

Per le altre informazioni (QUI)

Sito: www.vangoghbari.com

Fonte per informazioni e foto: vangoghbari

A GRANDE RICHIESTA LA MOSTRA CONTINUA

La mostra estende la propria permanenza al Teatro Margherita di Bari.